Giovani figli della migrazione, cittadini davvero (2008 - 2009)

Il progetto, approvato dalla Provincia di Torino, con la partecipazione finanziaria della Regione Piemonte, ha ampliato l'esperienza di sostegno alle scuole secondarie di secondo grado nei processi di integrazione degli studenti stranieri, condotta nel capoluogo, a tre aree della Provincia di Torino (1. Ivrea, Eporediese e Alto Canavese; 2. Pinerolese; 3. Settimo, Brandizzo Chivasso).
Il progetto, realizzato in collaborazione con l'associazione Il Nostro Pianeta, Crab e ASAI, ha inteso favorire l'inclusione sociale dei giovani di seconda generazione, contribuendo alla progettazione e gestione di politiche di inclusione sociale.
Si è posto come obiettivi specifici favorire il riconoscimento della diversità culturale; sviluppare percorsi di approfondimento e dialogo interculturale; combattere possibili elementi di preoccupazione e di deriva rilevati nel processo di integrazione; sviluppare modelli e aree di lavoro con le seconde generazioni e di queste con coetanei italiani coinvolgendo istituzioni pubbliche, famiglie, sistema formativo e dell'istruzione, associazionismo; introdurre sinergie con progetti volti a promuovere il successo scolastico degli allievi non italofoni.
Si sono realizzati nelle tre aree target percorsi formativi e di socializzazione per gli adolescenti coinvolti, nonché azioni di consulenza e supporto alle scuole.
Si è infine organizzato il convegno "Seconde generazioni: cuore di una cittadinanza inclusiva", tenutosi il 5 marzo 2009 presso l'Istituto Avogadro a Torino, che ha proposto un'occasione seminariale di scambio tra gli operatori che, con il finanziamento della provincia di Torino, operano per l'inclusione dei giovani immigrati e ha messo a confronto, in una seduta aperta al pubblico, l'esperienza italiana sul tema dell'attenzione alle seconde generazioni con quelle spagnola e francese.