PROGETTO CASA | Progetti

Insieme per la casa (dal 2002)

Partendo dalla riflessione che a Torino vi siano disponibilità alloggiative ma, per motivi diversi, queste non riescano a rappresentare una risorsa concretamente utilizzabile e, nel medesimo tempo, non volendosi rassegnare al fatto che vi siano "famiglie senza casa e case senza famiglie", si è cercato di focalizzare quali potrebbero essere le azioni che una rete di soggetti, agevolata e sostenuta dall'Arcidiocesi di Torino, potrebbe intraprendere e sostenere nei confronti di un tema così importante.
Il progetto Insieme per la Casa si pone come finalità l'agevolazione nel reperimento di alloggi da destinare a fasce deboli, attraverso l'utilizzo di nuovi strumenti in grado di garantire la proprietà e sostenere con piccoli contributi i potenziali inquilini.

Leggi tutto...

SISTEMA ABITARE: Piemonte in rete (dal 2017)

Il progetto, promosso da Cicsene e sostenuto da Compagnia di San Paolo, rafforza su scala regionale il modello Sistema Abitare valorizzando l'esistente quale forza motrice di esternalità positive, con l'obiettivo di incrementare/diversificare/rendere più accessibili e note le opportunità di accesso all'alloggio in Piemonte per la fascia grigia della popolazione.

Il progetto prevede una propedeutica implementazione del Sistema Abitare su scala regionale, tramite tavoli di lavoro, nuove sottoscrizioni, opportunità formative e azioni di networking interne; altrettanto fondamentali le attività di comunicazione e di promozione, che verranno realizzate tramite il rafforzamento di canali web, diffusione di brochure e materiali identificativi della rete, nonché tramite l'introduzione di una newsletter trimestrale.

Previsti anche momenti di promozione della rete su scala locale, e di confronto nazionale tra stakeholders in materia di housing sociale.

SISTEMA ABITARE: sviluppo del modello regionale di intervento in rete (dal 2016)

Il progetto, sostenuto da Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, è promosso da Cicsene ed ha preso avvio nel febbraio 2016. L'iniziativa intende mettere a disposizione di alcuni territori piemontesi aventi già manifestato interesse per il Sistema Abitare (in particolare le province di Cuneo, Asti e Torino) il modello di intervento in rete maturato e sviluppato nell'area torinese, favorendo occasioni confronto e scambio. Tavoli di lavoro con potenziali stakeholders interessati ad entrare a far parte della rete, workshop di aggiornamento, monitoraggio, formazione continua per operatori sui 3 territori target, occasioni regionali di incontro e riflessione comune e un dossier di approfondimento sull'abitare sociale e sostenibile sono gli elementi centrali su cui il progetto fonda la sua operatività. Risultati previsti dal progetto sono il consolidamento della rete multistakeholders regionale Sistema Abitare, l'attivazione di nuovi nodi territoriali segnalatori di bisogni e attivatori di risposte, ed il rafforzamento delle loro potenzialità di intervento tramite strumenti ed opportunità di formazione.

La tua casa in Valle: incentivi alla locazione (dal 2014)

Il progetto, promosso dalla Comunità Montana della Valle Susa e Val Sangone, d'intesa con il Consorzio Con.I.S.A. e affidata alla Fondazione Casa di Accoglienza Beato Rosaz, vede il Cicsene quale partner operativo e gestionale.
L'obiettivo centrale dell'iniziativa è lo sviluppo di una rete di servizi di intermediazione immobiliare di impronta sociale, mirati ad incentivare i proprietari di alloggi sfitti a mettere a disposizione i propri immobili, tramite regolari contratti di locazione, a soggetti o nuclei caratterizzati da fragilità economica e sociale, a rischio di vulnerabilità (legata alla precarietà della collocazione lavorativa e, conseguentemente, della stabilità e dell'entità del reddito), ma comunque titolari di un reddito documentabile. Si agisce attraverso la facilitazione dell'incontro tra la domanda abitativa e l'offerta di alloggi sfitti da parte di proprietari interessati a sperimentare forme di locazione agevolata a fronte di idonei incentivi o garanzie.
Diciannove comuni sono oggi coinvolti nelle iniziative di sostegno all'abitare promosse da Cicsene in Valle Susa.

Collaborazione con il Comune di Jesi (dal 2016)

É in corso di realizzazione una collaborazione con il Comune di JESI, ed in particolar modo con l'Azienda Socio Sanitaria Locale ASP Ambito 9, per l'avvio in loco del "Progetto Abitare", finalizzato ad affrontare, in modo innovativo ed efficace, il tema del disagio abitativo delle fasce deboli della popolazione.

A seguito di un preliminare momento formativo, condotto nel gennaio 2016, visto il reciproco interesse a proseguire nel dialogo intrapreso, è stata concordata un'ipotesi di collaborazione per facilitare/accompagnare in loco lo start up di un processo di accompagnamento all'abitare per fasce grigie. La collaborazione prevede 4 macro fasi di lavoro, tutt'ora in corso:

1. co-progettazione e costruzione presupposti del processo

2. affiancamento intensivo

3. suivi per attivazione piano mutualistico salvaffitto e/o altre forme di garanzia

4. consulenza a distanza

Ritrovare la strada di casa. Accompagnamento sociale e sostegno al lavoro e all'abitare ( 2015 - 2016)

Si sono concluse le attività del progetto "Ritrovare la strada di casa. Accompagnamento sociale e sostegno al lavoro e all'abitare", sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese e promosso da Cicsene, in collaborazione con Idea Lavoro Onlus.

Il progetto si è proposto di contribuire a contrastare il disagio nell'area metropolitana torinese attraverso azioni trasversali di sostegno al lavoro e all'occupabilità. Due i filoni sui quali si è concentrato il lavoro:

rilevare e mappare le opportunità occupazionali che, nonostante la crisi, ancora vi sono sul territorio per i soggetti portatori di medium/low skills. Dieci i profili professionali individuati, di cui sembra esserci maggior richiesta sul mercato del lavoro piemontese e soprattutto torinese;

ri-orientare al lavoro persone fragili, al momento disoccupate o prive di lavoro stabile, offrendo loro nuove prospettive, punti di vista e ambiti di ricerca, accompagnandoli in un percorso di riprogettazione, con bilancio di competenze, orientamento sul territorio ai lavori possibili e alla formazione necessaria. 33 i beneficiari seguiti ed accompagnati attraverso incontri individuali e momenti collettivi, nell'ottica di offrire loro una "cassetta di attrezzi" quanto più possibile ampia e ricca di strumenti.

Disponibile e scaricabile on line il paper di lavoro prodotto nell'ambito del progetto. Il paper si rivolge a tutti gli operatori che, nella quotidianità, si rapportano con persone fragili, a rischio povertà: trattasi di riflessioni, proposte, strategie per affrontare con la dovuta consapevolezza e competenza le situazioni delicate che spesso si incontrano. A disposizione anche una mappatura dei profili professionali low skills di cui sembra esserci maggiore richiesta oggi, sul mercato del lavoro piemontese e soprattutto torinese.

Progetto Sistema Abitare: la forza della rete (2014 - 2015)

Il progetto - co-finanziato dal Ministero dell'Interno e dall'Unione Europea nell'ambito del Fondo Europeo per l'Integrazione 2013 – ha avviato le sue attività nel luglio 2014 e si è concluso nel giugno 2015. L'iniziativa - promossa da Cicsene in partenariato con la Città di Torino, Fondazione Don Mario Operti, Synergica s.c.s, Stranaidea Impresa Sociale Onlus e Copea Società cooperativa edilizia - ha inteso rafforzare su scala regionale il modello sperimentale torinese "Sistema Abitare". 5 i nuovi territori provinciali coinvolti e 5 le città (Asti, Alessandria, Bra, Novara e Verbania) aventi scelto di entrare a fare parte della rete. 63 gli stakeholders aventi sottoscritto il Protocollo. 4 i cicli formativi condotti sul territorio regionale, per un totale di 165 operatori coinvolti ed accompagnati all'operatività di rete.

Il progetto è intervenuto inoltre per favorire l'integrazione abitativa dei cittadini stranieri attraverso l'implementazione sperimentale di una filiera integrata di servizi individualizzati di mediazione sociale: 718 persone hanno positivamente concluso il loro percorso di inserimento abitativo, trovando casa, beneficiando delle sessioni di orientamento al buon abitare o risolvendo positivamente situazioni di disagio. 29 cittadini hanno inoltre potenziato il loro livello di casabilità tramite la partecipazione ad un percorso di empowerment teso a renderli soggetti attivi e consapevoli nel processo di ricerca abitativa.

Progetto abitare: STRANIERI E CASA ( 2012 - 2013)

Si è concluso nel giugno 2013 il "Progetto abitare: STRANIERI E CASA", co-finanziato dall'Unione Europea e dal Ministero dell'Interno Italiano nell'ambito del Fondo Europeo per l'Integrazione 2011.
Il progetto è stato promosso da Cicsene in partenariato con la Città di Torino, Fondazione Don Mario Operti Onlus, Confcooperative Unione Provinciale di Torino, Consorzio Copea Società Cooperativa Edilizia, Stranaidea s.c.s Impresa Sociale Onlus, Consorzio Kairos s.c.s, Synergica s.c.s.
L'iniziativa ha inteso favorire l'accesso all'alloggio per i cittadini di Paesi Terzi regolarmente soggiornanti in Italia (a Torino nello specifico) attraverso un sistema di servizi di informazione, orientamento ed accompagnamento a livello locale.

Leggi tutto...

CASA SOL – Progetto di Coabitazione solidale Via Nizza 15-17 (dal 2010)

Il Cicsene in partenariato con la Cooperativa Synergica s.c.s. è soggetto gestore dell'esperienza di coabitazione solidale nello stabile di Via Nizza 15-17 all'interno del Programma comunale torinese per l'attuazione del mix sociale negli alloggi Erp (D.G.C. 2009-01113/012 del 11 marzo 2009 e  D.G.C. 2009-05187/012 del 25 agosto 2009).
Il progetto – che ha preso ufficialmente avvio nel giugno 2010 – ha previsto l'inserimento, all'interno dello stabile in oggetto, di un gruppo di 5 giovani coabitanti volontari con l'obiettivo di agevolare l'integrazione e il mix sociale all'interno del difficile condominio in oggetto.

Leggi tutto...

Form-Azione Casa (2011 - 2012)

Il progetto, approvato dalla Provincia di Torino con la partecipazione finanziaria della Regione Piemonte – realizzato in partenariato con Comune di Torino, ATC, Sicet, Uppi, Ass. Mi Perù, Ass. Fratia, Ass. Vatra e Ass. Afim - ha inteso agevolare il percorso di inserimento, permanenza e integrazione abitativa sul territorio provinciale torinese dei soggetti di origine straniera contribuendo a garantire loro migliori condizioni di accesso e migliore risposta nella relazione con i servizi.

Leggi tutto...

Nuovi abitanti e coesione sociale (2009 - 2010)

Un contributo per costruire politiche abitative consapevoli

Il progetto, approvato dalla Provincia di Torino con la partecipazione finanziaria della Regione Piemonte, ha inteso fornire alla società civile, alle istituzioni locali e agli stessi immigrati analisi, indicatori, suggerimenti, proposte utili a far fronte alla situazione di disagio abitativo che troppo spesso ancora vede protagonisti gli immigrati e, alla luce di ciò, ha proposto conseguenti linee d'azione capaci di incidere sul tema abitativo sollevato dal fenomeno migratorio. Fulcro del progetto è stata la realizzazione e pubblicazione di una ricerca/azione sulla situazione abitativa sperimentata da un campione di circa 1.200 immigrati residenti in provincia di Torino.

Leggi tutto...

Programma provinciale azioni preventive e curative della disoccupazione di lunga durata da parte dei servizi per l’impiego (2007 - 2008)

Progetti a favore dei disoccupati non comunitari 
Gestione di sportelli di servizi, coordinamento e monitoraggio delle azioni

Il progetto è stato finanziato all'interno del Programma Operativo Regionale 2000-2006 con l'obiettivo di attivare sportelli per la realizzazione di azioni preventive e curative della disoccupazione di lunga durata, a favore di cittadini extracomunitari.
Il partenariato vede la collaborazione tra 10 associazioni della città già attive nell'ambito lavoro e il coordinamento da parte del Centro per l'Impiego di Torino, in particolare l'Ufficio stranieri.

Leggi tutto...

Casa in Vista. Soluzioni innovative per l'emergenza abitativa (2005 - 2007)

Il progetto è volto a ridurre il disagio abitativo delle fasce più deboli della popolazione, attraverso la ristrutturazione degli alloggi che si trovano in condizioni igienico-prestazionali carenti. 
Nel caso gli alloggi siano già abitati, scopo del progetto è altresì quello di conservare il valore aggiunto dato dalla rete di rapporti umani intrecciati negli anni, che andrebbero dispersi in caso di rilocalizzazione degli abitanti.

Leggi tutto...

Casa Sociale (2003 -2005)

Il progetto consiste nel migliorare le condizioni abitative attraverso l'adeguamento igienico e funzionale degli alloggi regolarmente locati a famiglie tra quelle socialmente piú deboli, prevedendo la riqualificazione delle unità abitative concordata con i proprietari, a fronte di un impegno a mantenere in situ l'inquilino per un periodo stabilito senza aumento del canone di locazione.

Leggi tutto...

Casa Amica. Municipalità di Rosario (2002 - 2003)

Il progetto Casa Amica è stato elaborato dalla Municipalità di Rosario, all'interno del programma Rosario Habitat e in collegamento con il programma Habitech di Cicsene e Scuola di Specializzazione in Tecnologie Architetture e Città nei paesi in via di sviluppo del Politecnico di Torino.
Il progetto consiste nella riabilitazione edilizia e nella successiva gestione della struttura e delle attività di un edificio da destinarsi a donne con figli, vittime di violenze familiari e coinvolte in situazioni particolari di grave conflittualità, permettendo di iniziare un'esperienza pilota nella riabilitazione di edifici obsoleti da destinarsi a fasce sociali vulnerabili.

Ricerca e istituzione di uno sportello casa con funzioni di osservatorio Padova (2002 - 2003)

Il CICSENE ha fornito consulenza tecnica e metodologica alla Cooperativa Nuovo Villaggio nello svolgimento del progetto affidatole dalla Provincia di Padova.
Il progetto è stato mirato alla ricostruzione della situazione abitativa degli stranieri (dimensioni, fenomenologia del disagio) e alla elaborazione di proposte che consentissero all'Amministrazione di coordinare iniziative e supportare la programmazione e la progettualità dei soggetti che forniscono servizi di accoglienza e soluzioni abitative.

Il ruolo dei mercati su area pubblica di Torino e provincia nei processi di riqualificazione del tessuto commerciale urbano (2002)

Per conto della Confservizi (Confesercenti) e della CCIAA di Torino e Provincia, il CICSENE ha svolto un'indagine con lo scopo di descrivere le trasformazioni in 6 mercati in Torino e provincia e di identificarne il ruolo nei processi di riqualificazione urbana.
Sono state discusse caratteristiche, problematiche e opportunità di sviluppo di questo particolare settore della distribuzione, evidenziando le relazioni esistenti con il sistema distributivo e di servizi che opera nelle aree di influenza dei mercati, analizzando tra l'altro anche interventi fisici in atto, e si è fornita una prima valutazione delle ricadute sul settore commerciale, anche attraverso la percezione degli imprenditori locali e l'indicazione delle loro proprie iniziative.

EQUAL Li.Fe. (2001 - 2005)

Il progetto Li.Fe. - Libertà Femminile, all'interno dell'Asse IV (Pari Opportunità) dell'iniziativa comunitaria Equal, è finalizzato alla creazione di una rete stabile di attori istituzionali, economici e sociali operanti al fine di promuovere l'integrazione e la desegregazione delle donne vittime della tratta (ex art. 18, L. 40/1998), ed alla realizzazione di una microazione di sperimentazione per l'inserimento lavorativo e abitativo di un gruppo target di donne beneficiarie.

Leggi tutto...

Nafidat (2001 - 2002)

Il progetto Networking for Antidiscrimination Facilities, Implementing Dialogue All over (the) Territory, di cui è stata capofila la Città di Torino in un network di 5 città europee: Randers (DK), Roubaix (F), Sheffield (UK), Anderlecht (B) è nato all'interno del bando dell'UE VP/2000/13 "Programma d'azione proposta per la lotta contro la discriminazione in conformità con l'art. 13 del Trattato di Amsterdam".
Il CICSENE è stato il partner locale incaricato di svolgere un'attività di ricerca sul campo per l'individuazione delle risorse e delle esigenze del territorio di Porta Palazzo nei settori di casa e lavoro, e predisporre un set di proposte di strumenti e politiche di integrazione e di pratiche antidiscriminatorie.

Attività di comunicazione relative al bando di acquisto per ERPS (2001 - 2003)

Il CICSENE è stato incaricato dalla soc. coop. Biloba r.l./Mentelocale a.t.i., di svolgere, nell'ambito delle azioni di accompagnamento sociale previste dal PRU di via Artom a Torino, servizi di comunicazione/informazione del bando lanciato dalla Città di Torino per acquisto di alloggi per Edilizia Residenziale Pubblica e di ottimizzazione del rapporto tra tipologia di alloggi e composizione dei nuclei familiari da ricollocare.

Leggi tutto...

Servizio di informazione e consultazione dei cittadini per l’utilizzo e sistemazione di spazi pubblici ceduti alla Città (2000 - 2001)

Il CICSENE, in associazione temporanea con Metodi SpA, è risultato aggiudicatario della gara bandita dalla Città di Torino per svolgere indagini partecipate sulle aree ATS 8t e 8u "via Le Chiuse nord" e "via Le Chiuse sud" e ZUT 5.12 "ex INCET" al fine di comunicare ai settori competenti i bisogni e le preferenze dei cittadini riguardo alla loro trasformazione con localizzazione di servizi di quartiere.

Leggi tutto...

Progetto Casa, Lavoro, Istruzione: Azioni per l’Uguaglianza (2000 - 2001)

Su incarico della Rete d'urgenza contro il razzismo (Torino), il CICSENE ha realizzato un rapporto sulla condizione abitativa degli stranieri a Torino, l'accesso alla casa, le discriminazioni da essi incontrate, ed ha elaborato alcune misure per rispondere ai problemi incontrati.

Case Giovani (2000 - 2002)

Il progetto è finalizzato alla realizzazione di uno studio di fattibilità per identificare soluzioni abitative adattate alle esigenze dei giovani a Torino, accessibili da persone diverse per estrazione sociale, provenienza, background scolastico-formativo.
L'idea, nata da una discussione animata nel 2000 dalla prof.ssa Adriana Luciano, è stata formalizzata con il CICSENE capofila e con un gruppo di lavoro composto da IRES L. Morosini, CIE, ATC e Città di Torino.

Leggi tutto...

Progetto INTEGRA Itaca (1999 - 2000)

Su incarico del consorzio di formazione professionale CSEA (Torino), il CICSENE ha svolto un'attività di sostegno a 127 studenti stranieri, volta al miglioramento delle loro condizioni abitative.
Il metodo ha previsto azioni personalizzate di accompagnamento al mercato abitativo (locazione o compravendita), all'assegnazione in edilizia residenziale pubblica, ovvero di adeguamento dell'abitabilità dell'alloggio di cui già si dispone, a seconda dei casi

Progetto INTEGRA 3ind (1999)

Su incarico della Royal Holloway – University of London, il CICSENE ha realizzato un'indagine multidisciplinare (sociale e associativa, abitativa e insediativa, generazionale e scolastica) sull'immigrazione a Torino, nell'ambito di un progetto europeo comparativo con le città di Bari, Milano e Roma diretto dal prof. Arturo Tosi.

Progetto NOW Habitat (1998 - 2000)

Su incarico dell'ente di formazione professionale CIOFS-FP Piemonte, all'interno del progetto NOW Habitat, il CICSENE ha svolto attività di analisi dei territori beneficiari (quartieri Vallette e San Salvario a Torino), in particolare per quanto riguarda l'occupazione ed il lavoro autonomo femminile, di formazione di operatori, di promozione del progetto e di confronto transnazionale.

Progetto ARIETE (1997 - 2000)

Dopo aver steso il progetto esecutivo, il CICSENE ha curato per conto della Cooperativa Una Casa per l'Uomo il monitoraggio e la valutazione in itinere ed ex post di un'iniziativa finanziata dalla Commissione Europea e dalla Regione Veneto per lo sviluppo di strumenti informativi, formativi, di mediazione e di garanzia per l'inserimento abitativo degli immigrati stranieri nel Veneto.

Centro Servizi per la Locazione per la Città di Padova (1997 - 1998)

Studio di fattibilità di un'Agenzia Sociale per la Locazione, con finanziamenti e finalità pubbliche, per contribuire alla soluzione dei problemi abitativi delle fasce meno avvantaggiate della popolazione attraverso alloggi reperiti sul mercato privato della locazione.
In seguito a questo lavoro, la Città di Padova ha istituito l'Agenzia nel 1999.

Centro Servizi per la Locazione per la Città di Torino (1996 - 1997)

Studio di fattibilità di un'Agenzia Sociale per la Locazione, con finanziamenti e finalità pubbliche, per contribuire alla soluzione dei problemi abitativi delle fasce meno avvantaggiate della popolazione attraverso alloggi reperiti sul mercato privato della locazione.
Dopo tre anni dallo studio la Città di Torino ha deciso di condurre con modalità diversa l'agenzia, gestendola direttamente anziché con la formula mista pubblico-privata.

HABITECH (1996 - 2004)

Su incarico della Camera di Commercio di Torino, con la collaborazione della Scuola di Specializzazione in «Tecnologia, Architettura e Città nei PVS» del Politecnico di Torino, è stato realizzato uno studio di fattibilità di un evento specializzato in tecnologie e materiali per l'habitat e il territorio dei Paesi Emergenti e in Via di Sviluppo in cui gli operatori possano esporre e presentare prodotti e servizi, progetti e opportunità di finanziamento; confrontare domanda e offerta, esigenze e ipotesi di collaborazione, anche per mezzo di seminari; scambiare informazioni sull'innovazione tecnologica nei materiali da costruzione, le soluzioni abitative, la progettazione.

Leggi tutto...

Corso di conduzione di cooperative di autocostruzione in mutirão a São Paulo (1995)

All'interno delle attività del progetto, promosso dall'ASTAC/Scuola di Specializzazione in «Tecnologia, Architettura e Città nei PVS» e finanziato dall'Unione Europea, il CICSENE ha assunto il compito di mantenere i contatti con l'Unione, di gestire gli aspetti di organizzazione, di ottimizzare e curare gli oneri di carattere finanziario e di rendiconto.

Osservatori (1995)

Il progetto, promosso dalla Scuola di Specializzazione in «Tecnologia, Architettura e Città nei PVS», del Politecnico di Torino ha il fine di allestire una rete di osservatori che possano essere fonte per gli imprenditori italiani di informazioni e percezioni sulle situazioni locali in modo da rendere più consapevole l'investimento nei Paesi del sud del mondo.

Progetto di promozione di rapporti di cooperazione economica nel settore delle costruzioni tra Italia e Cile (1994)

Condotto in collaborazione con la Scuola di Specializzazione in «Tecnologia, Architettura e Città nel PVS» e appoggiato dal cileno Ministerio de Vivienda y Urbanismo, ha avuto l'obiettivo di promuovere i rapporti di cooperazione economica tra le imprese italiane e cilene, incentivando gli investimenti per opere infrastrutturali, la riduzione dei costi dei materiali ed il miglioramento delle tecniche costruttive

Diogene 1 – Fondo regionale per il miglioramento delle condizioni abitative dei migranti (1994 - 2001)

Frutto della collaborazione con la Regione Piemonte e cofinanziato dall'Unione Europea e da alcuni Comuni piemontesi, il fondo sperimentale è stato uno strumento culturale e finanziario inteso a facilitare l'accesso al mercato locativo da parte dei cittadini stranieri, sostenendo i rischi dei proprietari e delle associazioni che si pongono come garanti o che svolgono ruoli di mediazione sociale.

Monitoraggio dell’habitat e dell’accoglienza degli immigrati stranieri in Piemonte (1991 - 1994)

Ricerca condotta in accordo con la Regione Piemonte e con il contributo della Commissione Europea, con lo scopo di studiare le conseguenze sociali dell'immigrazione e di giungere a conclusioni operative per contribuire alla soluzione del problema casa per gli stranieri.

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni: Cookie Policy.

Acconsento e accetto l'uso dei cookie