PIANETA POSSIBILE | Progetti

ACTECIM - Acteurs du territoire pour une éducation à la citoyenneté mondiale (dal 2016)

Si è avviata la collaborazione di Cicsene nel quadro del progetto ACTECIM - Acteurs du territoire pour une éducation à la citoyenneté mondiale, finanziato all'interno del programma Erasmus Plus.

Il progetto, che coinvolge i Rettorati di Lyon e di Grénoble, Résacoop in Francia, l'Università di Craiova e l'Agenzia Regionale di Sviluppo d'Oltenie in Romania, la Regione Piemonte, il Consorzio delle Ong Piemontesi e l'Università degli studi di Torino in Italia, intende contribuire allo sviluppo di una cittadinanza attiva mondiale all'interno dei territori target di intervento (scuole, collettività territoriali, associazioni) presso i 3 Paesi (Italia, Francia e Romania), andando in particolar modo a condividere unità didattiche interdisciplinari e ad accompagnare un apprendimento per competenze, con focus sulla cittadinanza mondiale.

Cicsene è in particolar modo chiamato ad occuparsi di co-progettare e sperimentare moduli didattici in materia di educazione alla cittadinanza mondiale - sul territorio piemontese - e a partecipare ai momenti collettivi di lavoro in Italia e all'estero.

“REDDSO – Régions pour l’Education au Développement Durable et Solidaire” - Progetto n. DCI-NSA-ED/2012/287-834 (2013 - 2015)

Il progetto è stato finanziato con il contributo dell’Unione europea e promosso dalla Regione Rhône-Alpes in partenariato con RESACOOP (Réseau Rhône-Alpes d’Appui à la Coopération), Regione Piemonte e COP - Consorzio delle Ong Piemontesi, Generalitat de Catalunya - Departament d'Ensenyament de la Generalitat de Catalunya, Federación Catalana de ONG para el Desarrollo (FCONGD) e Voïvodie de Małopolska. Obiettivo del progetto è stato favorire l’avvio di un processo partecipativo nelle Regioni partners (Rhône-Alpes, Piemonte, Catalogna et Małopolska) per promuovere una definizione condivisa e una convergenza delle politiche pubbliche per l’educazione allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale (EDD-SI) nei sistemi educativi mirando alla formazione di una cittadinanza sul piano mondiale. Nell'ambito delle attività condotte in Piemonte, CICSENE ha co-progettato ed accompagnato due percorsi didattici a Novara (4 Istituti coinvolti, in rete sul tema "consumo") e a Biella (3 istituti coinvolti, in rete, sul tema "spreco"), selezionati e finanziati attraverso apposito Bando emesso dalla Regione Piemonte, volti ad integrare a scuola l’educazione allo sviluppo sostenibile con l’educazione alla solidarietà internazionale, in una prospettiva di educazione alla cittadinanza mondiale. Inoltre CICSENE è stato incaricato di capitalizzare e valorizzare, attraverso la redazione di apposite schede, i 10 migliori percorsi didattici condotti sul territorio piemontese, disponibili sulla piattaforma ufficiale di progetto http://www.realglobe.eu/fr.

Progetto GenerAzione Intercultura (2013 - 2014)

Si è concluso il progetto è co-finanziato dalla Regione Piemonte, Fondo Sociale Europeo (FSE) nel quadro del Bando Regionale per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro, approvato con D.D. n. 348 del 25/06/2012. Il progetto, promosso da Lvia in partenariato con Cicsene, ha inteso diffondere la cultura di parità e di non discriminazione nelle province di Torino, Cuneo, Alessandria, Novara. Le azioni hanno agito al fine di promuovere forme di cambiamento culturale per superare pregiudizi, attitudini e atteggiamenti discriminatori che trovano la loro causa nella diversità dell'altro: origine etnica, nazionalità, religione e convinzioni personali. I giovani sono stati i destinatari primari delle attività poiché sono proprio loro a sperimentare maggiormente nel proprio quotidiano, nei contesti scolastici e lavorativi, l'esistenza di una società multiculturale e le difficoltà di interazione che da ciò scaturiscono. Promuovendo un approccio partecipativo, il progetto ha coinvolto i giovani - italiani e di origine straniera - a lavorare insieme ed è stata così realizzata la piattaforma web www.generazioneintercultura.it dove sono disponibili i materiali di educational e di edutainment frutto del progetto - percorsi didattici, fiction interculturale, video cartoline, web TV - che possono essere utilizzati quale spunto per nuovi percorsi educativi e per la promozione di attività interculturali. E' inoltre disponibile on line sulla medesima piattaforma lo studio sociologico concernente l'approccio dei giovani e dei territori target ai temi della migrazione, integrazione e discriminazione: lo studio è stato elaborato a partire dalla somministrazione di questionari ai giovani studenti target del progetto ed interviste a personale docente, referenti di enti locali e di associazioni sui 4 territori target.

Diari di Viaggio (2012 - 2013)

Educare ad una cittadinanza mondiale condividendo a scuola le esperienze di migrazione

Si è concluso nel giugno 2013 il Progetto: "Diari di Viaggio. Educare ad una cittadinanza mondiale condividendo a scuola le esperienze di migrazione", co-finanziato dal Ministero dell'Interno e dall'Unione Europea nell'ambito del Fondo Europeo per l'Integrazione 2011.
Il Progetto promosso dal COP- Consorzio Ong Piemontesi, con la partecipazione operativa delle associazioni CCM, CICSENE, CIFA, CISV, CRA, DI-SVI, ENGIM, LVIA, MAIS, RETE e Terre Solidali, si è sviluppato su 6 Province piemontesi e ha coinvolto 36 Istituti scolastici dalle scuole primarie alle secondarie di secondo grado.
L'obiettivo generale del progetto è stato di contribuire al rafforzamento dei processi di dialogo interculturale in ambito scolastico, favorendo il processo di crescita personale e di integrazione sociale dei giovani stranieri tra i 6 e i 18 anni delle Province di Torino, Asti, Biella, Cuneo, Novara e Vercelli.

Leggi tutto...

Des Alpes au Sahel! Sperimentazione di attività didattiche progetto (2010 - 2011)

Nel quadro del progetto "Des Alpes au Sahel!", cofinanziato dalla Commissione Europea e promosso dal Settore Affari Internazionali della Regione Piemonte in partenariato con la Regione di Rhône Alpes, COP e RESACOOP il Cicsene ha condotto con 10 scuole dislocate sul territorio regionale piemontese (province di Biella e Novara) un percorso di sperimentazione di attività didattiche nell'ambito dell'educazione ambientale, educazione allo sviluppo e alla solidarietà internazionale.

Leggi tutto...

Laboratorio democratico: forum giovanili di cittadinanza attiva (2009 - 2010)

Il Cicsene è stato individuato come il soggetto conduttore del Forum Giovani attivato presso la Circoscrizione IV di Torino, iniziativa realizzata entro il più ampio quadro di Forum Giovanili promossi dalla città di Torino in alcune delle sue Circoscrizioni.
Obiettivo principale di tale progetto, rivolto a giovani tra i 16 e i 20 anni, è stato il favorire la crescita dei giovani stessi fornendo loro, concretamente, uno spazio decisionale capace di portarli a confrontarsi autonomamente su tematiche di rilievo sociale e culturale.Il Forum si è particolarmente focalizzato sul tema ambientale, più specificatamente sul tema dei rifiuti.

Leggi tutto...

Convenzioni di stage ( dal 2001)

Pianeta Possibile accoglie, in convenzione con enti diversi, studenti che desiderino completare il proprio percorso formativo con un'esperienza di stage nel campo dell'educazione interculturale.
Le principali convenzioni di stage oggi attive sono stipulate con:

- la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell'Università degli Studi di Torino
- la Facoltà di Scienze dell'Educazione dell'Università degli Studi di Torino
- la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Torino
- la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell'Università degli Studi di Catania
- Il Consorzio EuroQualità di Torino
- ENGIM Piemonte
- COREP
- Université de Provence Aix Marseille 

Giovani figli della migrazione, cittadini davvero (2008 - 2009)

Il progetto, approvato dalla Provincia di Torino, con la partecipazione finanziaria della Regione Piemonte, ha ampliato l'esperienza di sostegno alle scuole secondarie di secondo grado nei processi di integrazione degli studenti stranieri, condotta nel capoluogo, a tre aree della Provincia di Torino (1. Ivrea, Eporediese e Alto Canavese; 2. Pinerolese; 3. Settimo, Brandizzo Chivasso).
Il progetto, realizzato in collaborazione con l'associazione Il Nostro Pianeta, Crab e ASAI, ha inteso favorire l'inclusione sociale dei giovani di seconda generazione, contribuendo alla progettazione e gestione di politiche di inclusione sociale.

Leggi tutto...

Da pari a pari. Strategie di sostegno all’inclusione degli studenti di origine immigrata (2008 - 2009)

In collaborazione con l'associazione culturale Il Nostro Pianeta e con Crab, Cicsene ha realizzato nell'anno scolastico 2008-2009 il progetto "Da Pari a Pari", approvato dalla Provincia di Torino, con la partecipazione finanziaria della Regione Piemonte.
Sono stati partner di "Da pari a pari" l'Istituto Tecnico Industriale Casale, l'Istituto Professionale per i Servizi Commerciali, Turistici e Sociali Lagrange, l'Istituto Tecnico Industriale Statale Peano, il Liceo Scientifico Gobetti e il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà.

Leggi tutto...

Ritrovarsi in Italia. Un approccio sperimentale al tema del ricongiungimento familiare (2007 - 2008)

Il progetto Ri-trovarsi in Italia, promosso da Cicsene con il sostegno della Regione Piemonte, ha sperimentato un servizio capace di sostenere lo sforzo di integrazione e il percorso di inserimento socioculturale dei cittadini di origine immigrata nella fase dei ricongiungimenti familiari.
Nell'ambito del progetto si sono realizzati: un servizio di sportello volto a informare e sostenere famiglie e operatori coinvolti in progetti di ricongiungimento; uno specifico servizio di orientamento; formazione e aggiornamento per gli insegnanti; incontri e percorsi formativi di sostegno alla genitorialità e gruppi di mutuo aiuto per genitori immigrati di ragazzi adolescenti scolarizzati;

Leggi tutto...

Scambi interculturali per le pari opportunità (2007 - 2008)

Cicsene – Pianeta Possibile è stato partner italiano del progetto Intercultural exchanges for equal opportunities promosso da Ance Hellas – Grecia e sostenuto dalla Fondazione Anna Lindh.
Nel quadro del progetto è stata costituita una rete euromediterranea per le pari opportunità a cui hanno aderito associazioni italiane, greche, marocchine, egiziane e turche, con l'obiettivo di favorire lo scambio di informazioni e di buone pratiche tra organizzazioni che operano sul bacino euromediterraneo in tema di pari opportunità di genere.

Leggi tutto...

Studenti e cittadini. Un ponte di servizi, creatività e impegno giovanile tra la scuola di oggi e la città di domani (2007 - 2008)

Il progetto, promosso da Cicsene - Pianeta Possibile, ha ottenuto il sostegno della Compagnia di San Paolo, nell'ambito del Bando "Immigrati nuovi cittadini" (Protocollo d'Intesa Compagnia di San Paolo - Città di Torino in materia di immigrazione, integrazione e interculturalità).
Studenti e cittadini. Un ponte di servizi, creatività e impegno giovanile tra la scuola di oggi e la città di domani ha offerto a tutte le scuole secondarie di secondo grado torinesi un servizio continuativo di sostegno allo sforzo di integrazione e al percorso di cittadinanza degli studenti di origine immigrata.

Leggi tutto...

Crescere cittadini. Strategie di sostegno all’inclusione degli studenti di origine immigrata (2007)

Il progetto è stato ideato in risposta alle esigenze specifiche emerse dal progetto Fare rete per non fare muro – suo diretto antecedente - con l'obiettivo di sostenere la genitorialità dei migranti che hanno figli inseriti nelle scuole secondarie di primo e secondo grado torinesi, facilitando il loro rapporto con la scuola e favorendo pari opportunità di successo formativo per i ragazzi.
Al fine di offrire ai genitori immigrati la possibilità concreta di conoscere nel dettaglio il sistema scolastico italiano, nel quale sono inserite le carriere formative dei figli, e di fornire gli strumenti per scelte meditate e consapevoli rispetto al loro futuro, il progetto ha provveduto a ristampare e diffondere il libretto Orientiamo il nostro futuro: vademecum per genitori e figli, aggiornato e tradotto in dieci lingue: albanese, arabo, cinese, inglese, francese, filippino, portoghese, romeno, russo, spagnolo.

Leggi tutto...

Sostenere la genitorialità e il successo formativo dei migranti (2006 - 2007)

Il progetto, finanziato dalla Regione Piemonte – Assessorato al Welfare e Lavoro e promosso da Cicsene con la collaborazione di Comitato Oltre il razzismo, Asai, Sanabil, Doposcuola Ferrini, COSP, si è sviluppato dalla considerazione che, per favorire processi d'inclusione, dunque di coesione sociale, sia opportuno impegnare politiche del territorio sulle seconde generazioni d'immigrati.
Ritenendo che la scuola e la famiglia siano veramente istituzioni mediatrici, ha proposto una progettualità che attribuisce alla scuola superiore un ruolo decisivo di elaborazione e sperimentazione, sia nei confronti degli allievi e degli insegnanti, sia nei confronti delle famiglie immigrate.

Leggi tutto...

Tibet - Patrimonio culturale e sviluppo sostenibile delle città storiche dell’Asia (2006 - 2007)

Cicsene è stato partner del progetto "Patrimonio culturale e sviluppo sostenibile delle città storiche dell'Asia. Salvaguardia delle tradizioni e delle antiche conoscenze per promuovere lo sviluppo urbano", promosso da ASIA Onlus e co-finanziato dalla Commissione Europea.
Le città asiatiche e realtà come quella di Lhasa, la capitale del Tibet, si trovano ad affrontare complesse sfide di cambiamento che rischiano di compromettere il futuro di civiltà antiche e complesse che hanno espresso nella forma e nell'architettura urbana una cultura notevole e originale, la cui scomparsa rappresenterebbe una grave perdita per il mondo intero.

Leggi tutto...

Fare rete per non fare muro (2006 - 2007)

Progetto di sostegno all'inclusione scolastica di studenti di origine immigrata, realizzato con il sostegno della Provincia di Torino e in collaborazione con l'ITCS Arduino, il Liceo Scientifico Gobetti, CTP Gabelli e Fieri.
Nell'ambito del progetto è stato pubblicato Orientiamo il nostro futuro: vademecum per genitori e figli, libretto multilingue sul sistema scolastico italiano, destinato alle famiglie straniere di allievi di terza media prossimi a scegliere come continuare gli studi (tre versioni: arabo/ spagnolo; romeno/ portoghese; cinese/ albanese).

Leggi tutto...

Convegno Pari opportunità nello spazio euromediterraneo (13 -14 marzo 2006)

Il fenomeno migratorio che ri-unisce le due sponde del Mediterraneo sollecita trasformazioni sociali e culturali, non sempre facili da comprendere e governare.
Cuore di una cittadinanza euromediterranea inclusiva è il tema delle pari opportunità.
Il convegno, realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo e il contributo della Regione Piemonte, ha proposto al pubblico di operatori socioculturali una riflessione intorno all'aspetto cruciale dell'inserimento scolastico e sociale dei giovani immigrati in Italia e in Europa e ha dato voce al significativo percorso di innovazione che il Marocco sta affrontando.
All'iniziativa hanno collaborato ANPAS, Formazione 80, Comitato Oltre il Razzismo, FIERI, IMED, MEIC e Paralleli.

Il ruolo dell’altro. Esperienze teatrali tra dialogo interculturale e impegno civile (2006)

Progetto di scambio, comunicazione a distanza, progettazione artistica comune tra giovani di Torino, Gaza, Ramallah e Haifa intorno ai temi della cittadinanza globale, della storia condivisa, dell'esperienza dei diritti umani.
Finanziato dalla Commissione Europea, il progetto si è svolto in collaborazione con il Settore Cooperazione internazionale e Pace del Comune di Torino e con la Città di Gaza.
Il progetto ha preso avvio nel marzo 2006, a Torino, dove si è svolto un seminario teatrale sui temi del dialogo interculturale e dell'educazione alla pace, che ha coinvolto esperti italiani di teatro d'animazione e del teatro ragazzi e giovani attori e studenti delle città di Gaza, Haifa, Ramallah e Torino.

Leggi tutto...

La comunità immigrata e il nuovo Codice di famiglia del Marocco (2005)

Approvato nel gennaio 2004 dal Parlamento nazionale, il nuovo Codice di famiglia marocchino consacra l'eguaglianza giuridica tra i sessi, prevedendo maggior libertà per le donne, pur senza contrapporsi allo spirito dell'Islam e alla cultura tradizionale della società marocchina.
Il progetto "Donne in viaggio nel mondo che cambia", finanziato in azioni complementari dalla Regione Piemonte, dalla Provincia di Torino e dal Comune di Torino, ha proposto attività di formazione, riflessione, aggiornamento e sensibilizzazione intorno al tema delle pari opportunità coniugato con quello dell'immigrazione.

Leggi tutto...

Convenzione in tema di scambi giovanili Italia/ Marocco (2005 - 2007)

Nel mese di marzo 2005 Cicsene ha siglato una convenzione di partenariato in tema di scambi giovanili con il Segretariato di Stato per la Gioventù (Servizio Turismo culturale giovanile) del regno del Marocco, per la realizzazione di visite culturali di giovani italiani in Marocco e di giovani marocchini in Italia.
Prime realizzazioni della convenzione sono state le visite in Italia di due gruppi di giovani marocchini nelle estati 2005 e 2006.
L'azione è sostenuta dalla Compagnia di San Paolo. Nel mese di marzo 2007 due classi quarte e una classe quinta del Liceo Scientifico Gobetti hanno effettuato una visita di istruzione in Marocco.

Ricominciare a crescere (2004 - 2005)

Promosso dal Settore Servizi Socio-assistenziali del Comune di Torino e condotto in partenariato con il Consorzio Imprese Cooperative Sociali ICS, il progetto ha previsto l'accompagnamento di percorsi di ritorno nelle città e nei villaggi di provenienza in Marocco (segnatamente a Casablanca e nella provincia di Khouribga) per bambini e ragazzi minori marocchini emigrati soli a Torino e per i quali si siano rilevate le condizioni per un positivo reinserimento nella realtà familiare e sociale d'origine.

Leggi tutto...

Realizzazione di un centro Internet a Gaza (2004 - 2005)

Finanziato dal Comune di Torino, il progetto ha previsto, nell'ambito delle iniziative di cooperazione legate al gemellaggio tra la Città di Torino e la Città di Gaza, l'acquisto e l'installazione a Gaza delle dotazioni informatiche necessarie alla realizzazione di un centro Internet, utile strumento per lo svolgimento e l'ampliamento dell'accesso alla vita culturale e democratica in particolare per i giovani.

Education for Global Citizenship. Verso il futuro: nuovi modi di apprendere e di insegnare (2003 - 2006)

Pianeta Possibile è stato responsabile per l'Italia di Education for Global Citizenship, progetto pilota che si è sviluppato tra il 2003 e il 2006, finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del Programma "Co-finanziamento a ONG europee – attività di sensibilizzazione ai temi dello sviluppo", DG EuropeAid, e – in Italia – dalla Compagnia di San Paolo.
I paesi partecipanti al progetto sono stati l'Austria, il Camerun, il Cile, l'Italia e l'Olanda. In ciascun paese sono state coinvolte cinque scuole superiori, coordinate da un'organizzazione a livello nazionale.

Leggi tutto...

Bridges through Arts (2003 - 2004)

Bridges through Arts è un progetto di scambio Gioventù Euromed che ha coinvolto giovani (18 - 26enni) tedeschi, israeliani, ciprioti e italiani.
I giovani coinvolti hanno realizzato comuni esperienze artistiche, attraverso workshops e seminari di diversa tipologia (pittura, musica, teatro, arti plastiche e multimediali); hanno preparato performances ed esibizioni; hanno sostenuto dibattiti sull'essere giovani in Europa e nel Mediterraneo oggi, sull'impegno dei giovani nelle rispettive società, sulla loro visione dell'Europa.
Nel 2003 sede dell’esperienza è stata Lipsia (Germania), nel 2004 Cipro.

Progetto di formazione – Enac Emilia Romagna (2003 - 2008)

Pianeta Possibile è stato consulente di Enac Emilia Romagna nell'elaborazione e nella realizzazione di percorsi formativi in ambito interculturale.
Ha tra l'altro partecipato al gruppo di lavoro volto alla progettazione della formazione integrata per studenti e insegnanti del Liceo Sociale Canossa di Fidenza, seguendo l'educazione interculturale per le classi implicate e accompagnando studenti e insegnanti in un percorso di scambio scolastico con la Tunisia che ha coinvolto anche l'Istituto Chieppi di Parma.

Torino la mia città (2003 - 2008)

Pianeta Possibile ha collaborato con il Laboratorio Islam del Meic di Torino per la realizzazione del progetto "Torino la mia città", che propone percorsi di cittadinanza per donne maghrebine immigrate.

Il Co.Co.Pa. per la Palestina (2003)

Realizzato in collaborazione e con il finanziamento del Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino, il progetto ha previsto la sensibilizzazione sul tema del conflitto israelo-palestinese e l'avvio di scambi scolastici con Istituti della Striscia di Gaza.
Nel novembre 2003 una delegazione di insegnanti palestinesi ha visitato i comuni e le scuole italiane coinvolte, incontrando studenti, docenti, cittadini.

Building bridges between formal and non formal education (2003)

Pianeta Possibile ha realizzato nel mese di Novembre 2003, con il sostegno dell'Unione Europea e del Comune di Torino, un seminario che ha riunito a Torino i rappresentanti di diciotto associazioni giovanili italiane, europee e dei paesi del Mediterraneo, con le quali Cicsene - Pianeta Possibile ha stabilito partenariati, per la comune riflessione sui temi dello scambio giovanile.
I partecipanti si sono confrontati e hanno discusso di politiche giovanili atte a costruire percorsi di cittadinanza attiva nei paesi partecipanti, affacciati alle due sponde del Mediterraneo, con il concreto obiettivo della costruzione di nuovi progetti comuni.

Leggi tutto...

Un liceo serale di adulti per la pace (2003)

Il progetto, finanziato dal Comune di Torino, ha previsto presso l'Istituto Magistrale Statale "Regina Margherita" di Torino la programmazione con i docenti di attività di educazione alla pace, inserite nella programmazione curricolare, e la realizzazione di interventi nelle classi del Liceo serale delle Scienze sociali.

Mezzogiorni d’Europa: i paesi del Maghreb (2003)

Pianeta Possibile ha collaborato con più di venti Istituti Superiori di diverse province siciliane alla realizzazione di progetti, finanziati dalla Regione Sicilia, volti a favorire l'internazionaliz- zazione dell'economia siciliana attraverso azioni di formazione nella scuola.
Pianeta Possibile ha curato la formazione delle classi relativamente ai temi della relazione interculturale e della conoscenza dei paesi del Nord Africa, la produzione dei relativi materiali didattici, l'organizzazione di stage formativi in Tunisia, Marocco, Egitto e il tutoring degli studenti durante la loro permanenza all'estero.

Torino città del mondo, Torino città della pace (2003)

Il progetto, co-finanziato dal Comune di Torino - Settore Cooperazione Internazionale e Pace attraverso il Bando di concorso di idee per la presentazione di progetti di sensibilizzazione alla cultura di pace - anno 2002, ha offerto a bambini e giovani torinesi occasioni di conoscenza e informazione sui temi del conflitto e della pace, attraverso l'acquisizione di nuovi strumenti interpretativi e attraverso la ricerca di soluzioni non violente.

Leggi tutto...

Azioni di sostegno alla cittadinanza per studenti immigrati (2002 - 2004)

Il progetto, realizzato con il contributo della Provincia di Torino, ha previsto l'organizzazione di un servizio di volontariato per il supporto nell'accoglienza degli studenti stranieri, che, provenendo da sistemi formativi diversi da quello italiano, sono inseriti in classi di nove scuole superiori torinesi.
Si è inoltre aggiornata, pubblicata e diffusa la Rubrica Immigrazione, cooperazione internazionale ed educazione interculturale a Torino e Provincia, una guida ai servizi per immigrati - associazioni, enti, scuole, servizi vari che nei modi più diversi s'interessino ai temi dell'immigrazione – presenti sul territorio della provincia di Torino.

World Aware Education Award (2002)

Il settore Pianeta Possibile è stato insignito del premio World Aware Education Award 2002, promosso dal Centro Nord Sud del Consiglio d'Europa, dal National Committee for Development Education e dal National Committee for International Cooperation and Sustainable Development, per l'eccellenza del lavoro di rete e per la qualità del partenariato e del coordinamento nello sviluppo dell'educazione interculturale.
La cerimonia di premiazione si è svolta a Brno (Repubblica Ceca) il 12 aprile 2003.

Diffusione e promozione del programma UE Gioventù Euromed (2001 – 2003)

Pianeta Possibile ha curato per la Regione Piemonte la diffusione dell'informazione e l'orientamento dei giovani relativamente al programma europeo Gioventù Euromed.
Il progetto ha previsto l'attivazione di uno sportello informativo per i giovani e le associazioni interessate al programma, la consulenza, il servizio di accompagnamento e l'assistenza tecnica nell'elaborazione di progetti, la ricerca di partners.
Pianeta Possibile ha inoltre progettato e realizzato cicli di seminari di sensibilizzazione al Programma dell'Unione Europea Gioventù - Euromed nelle province piemontesi, volti alla diffusione delle opportunità di mobilità euromediterranea offerte dall'Unione Europea ai giovani.

Exposcuola (2001 – 2002)

Pianeta Possibile ha collaborato con Bimed e Provincia di Salerno alla realizzazione delle edizioni 2001 e 2002 della manifestazione Exposcuola, fornendo consulenza progettuale, formazione per lo staff organizzativo e organizzazione di eventi.

Progetto di formazione interculturale - Alba (2000 – 2003)

Il progetto, finanziato dal comune di Alba e da altre realtà locali, ha inteso attivare servizi e iniziative a carattere interculturale finalizzate a migliorare l'integrazione dei cittadini di origine non italiana nella realtà socio-culturale di Alba e a favorire l'inserimento dei minori stranieri nel contesto scolastico di Alba e del suo circondario.
In alcune azioni ha coinvolto anche la zona di Bra - ha previsto tra l'altro:

a) la creazione di uno scaffale multietnico all'interno della Biblioteca Civica "Giovanni Ferrero"
    di Alba
b) l'allestimento di uno specifico spazio (la "stanza dei mondi") per la fruizione da parte degli
    studenti di percorsi di educazione interculturale
c) l'attivazione di laboratori didattici
d) la formazione di insegnanti e operatori socioculturali

Global Education Week (1999 - 2007)

Pianeta Possibile è stato referente italiano del Centro Nord Sud del Consiglio d'Europa per la Settimana dell'Educazione Interculturale (Global Education Week), che ogni anno propone iniziative educative e di sensibilizzazione alla cittadinanza attiva.

Laboratori didattici di educazione interculturale (1998 - 2008)


Pianeta Possibile ha proposto laboratori di educazione interculturale per le classi e i gruppi giovanili, per fasce d'età comprese tra la scuola materna e la scuola superiore.
I temi proposti hanno compreso: squilibri tra Nord e Sud del mondo; la risorsa acqua; fiabe, culture e musiche del mondo; le religioni abramitiche; migrazioni; il Maghreb; il conflitto israelo-palestinese; letteratura della migrazione; il ruolo dei media nella società interculturale.
Attività d'approfondimento individualizzate sono state concordate con gli educatori.

Formazione per insegnanti e operatori socioculturali (1997 - 2008)

Pianeta Possibile ha realizzato percorsi di formazione per insegnanti e operatori socioculturali sui temi dell'educazione interculturale, delle questioni migratorie e dell'integrazione socioculturale.

Scambi scolastici (1997 - 2008)

Pianeta Possibile si è impegnato nella realizzazione di scambi scolastici tra scuole italiane (dalle materne alle superiori) e scuole dei Paesi del Sud del mondo, con mobilità o a distanza.
In collaborazione con scuole ed enti locali, Pianeta Possibile ha realizzato scambi con scuole in Senegal, Burkina Faso, Camerun, Eritrea, Marocco, Tunisia, Egitto, Israele, Palestina, Bosnia Erzegovina.

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni: Cookie Policy.

Acconsento e accetto l'uso dei cookie