PERCORSI INTERNAZIONALI | Progetti

IMPRA - Imprenditoria Migrante in Piemonte e Rhônes–Alpes: dialogo strutturato con Associazionismo Migrante e Cooperazione Internazionale ( 2013 - 2014)

Il 30 giugno 2014 si è concluso il progetto co-finanziato dal Ministero dell'Interno e dall'Unione Europea nell'ambito del Fondo Europeo per l'Integrazione 2012. Il progetto, promosso dal COP in partenariato con Cicsene, Provincia di Torino, Ong Cisv, Ufficio Pastorale Migranti di Torino, in collaborazione con RESACOOP (Regione Rhône Alpes – Francia),  ha contribuito al miglioramento del processo di integrazione  dei migranti (soprattutto di origine marocchina e senegalese) sul territorio torinese agendo in particolar modo a supporto delle attività transnazionali dei migranti stessi. In tal senso sono stati identificati i servizi specifici attivi sul territorio torinese ed è stato promosso il ruolo delle associazioni di migranti nel sostegno ai loro connazionali, attraverso lo scambio di buone pratiche tra i territori delle Regioni Piemonte e Rhône Alpes. Il progetto ha previsto l'analisi della situazione in Piemonte e Rhône Alpes, con identificazione di buone pratiche di sostegno alle imprese migranti e analisi del ruolo delle comunità di riferimento, temi poi elaborati ed approfonditi in un rapporto di ricerca disponibile sul blog del progetto  migrazionicop.wordpress.com;  sono stati realizzati 3 seminari internazionali di scambio sui temi del progetto e 4 workshop di analisi in Piemonte. E' stato realizzato un percorso formativo di sostegno alle associazioni etniche torinesi – marocchine e senegalesi – in materia di supporto all'imprenditoria transnazionale; si è proceduto con attività di scambio e diffusione di buone pratiche, con promozione del dialogo tra associazioni migranti, enti locali, soggetti attivi nella cooperazione internazionale in Piemonte e in Rhônes–Alpes e attività di rafforzamento del ruolo delle associazioni/antenne senegalesi e marocchine nel sostegno ai connazionali impegnati in attività economiche transnazionali.

Scegliere un futuro tra Marocco e Piemonte (2009 - 2012)

Il progetto, finanziato dalla Regione Piemonte e promosso dal COP (Consorzio delle Ong del Piemonte) con capofila Cicsene e enti partner le ong Aibi, Iscos, Rete e ProgettoMondoMlal, ha realizzato i suoi interventi a Khouribga, in Marocco, sulla spirale disoccupazione/ povertà/emigrazione e si è articolato in tre principali linee di intervento.
1.      Dal lavoro informale al lavoro formale.
2.      Cooperazione e migrazione
3.      L'impegno piemontese in Marocco: tavolo di lavoro
Le azioni progettuali sono state volte a favorire l'imprenditorialità e il lavoro femminile dignitoso, regolare e redditizio, in particolare realizzando percorsi di formazione nei settori della ristorazione e della tessitura,

Leggi tutto...

Le Primavere arabe e il Nord Ovest italiano (2011)

Percezioni, dubbi, speranze. Un'occasione per riflettere

Progetto promosso dall'Istituto Paralleli in collaborazione con CICSENE, M.A.I.S., Idea Lavoro, co-finanziato dalla Fondazione Mediterraneo di Napoli nell'ambito del programma "Supporting citizenship and meeting minorities - Con la cittadinanza.Per le minoranze", promosso dalla Rete italiana della Fondazione Euromediterranea Anna Lindh per il dialogo tra culture. Attraverso tale progetto si è voluto portare la testimonianza diretta di alcuni esponenti della comunità nord africana presente nella Macro Regione del Nord Ovest Italiano, con un focus mirato e ben preciso, concentrato sulla percezione che la "diaspora" ha dei recenti accadimenti verificatisi in Maghreb, con particolare riferimento alle "Primavere Arabe".

Leggi tutto...

Lives Re-Veiled: an enquire about veil across Mediterranean (2010 - 2011)

Progetto finanziato dalla Fondazione Anna Lindh volto ad approfondire il significato dell'uso del velo in Italia, Marocco, Egitto.
Capofila del progetto è stato l'Istituto Paralleli in collaborazione con Cicsene, M.A.I.S., Idea Lavoro, Kenana, APPSD (Association pour la promotion de la scolarisation et le développement social). 
Obiettivo globale del progetto è stato il promuovere  una migliore comprensione della diversità culturale e sociale riscontrata all'interno dell'ambiente urbano lungo le due sponde del Mediterraneo di fronte ad una questione complessa ed ampliamente dibattuta quale quella dell'uso del velo, proponendo alcuni punti di vista rispetto a tale argomento.

Leggi tutto...

Programma Marocco (2000 - 2007)

Il Programma Marocco si è articolato in diversi progetti di sviluppo sociale e umano in due aree geografiche del Marocco: la Provincia di Khouribga e la Regione del Grand Casablanca.
Nella provincia di Khouribga è stato avviato un articolato progetto di cooperazione educativa, condotto in collaborazione con la locale Delegazione del Ministero dell'Educazione Nazionale.
Per l'elaborazione partecipata degli interventi e la loro realizzazione si è costituito a Khouribga un gruppo di lavoro interistituzionale comprendente rappresentanti del Ministero dell'Educazione, delle scuole private, degli enti locali e dei servizi sanitari e sociali, dell'associazionismo e della società civile.

Leggi tutto...

Partage et formation pour le développement humain (2007 - 2008)

Il progetto ha curato il rafforzamento delle capacità dell'associazione CICSN (Casablanca, Marocco) e dei suoi partners locali nella realizzazione del progetto Dar Lamaalem, affinché potessero divenire in rete attori di sviluppo locale. Ha accompagnato la messa in opera di progetti pilota di sviluppo socioeconomico e di lotta all'esclusione sociale, al fine di accrescerne la ricaduta positiva sui beneficiari e di capitalizzare l'expertise sviluppata in loco.

Leggi tutto...

Partage et échanges pour favoriser l’inclusion (2007 - 2008)

Il progetto, condotto in partenariato con l'associazione APPSDS (Khouribga, Marocco), ha sostenuto un processo locale di capacity building, a livello tanto istituzionale quanto di società civile, di riflessione e azione finalizzate all'inserimento sociale dei disabili.
L'iniziativa è stata finanziata dalla Cooperazione allo sviluppo italiana, attraverso il Programma di sostegno alla società civile nel quadro dell'Iniziativa nazionale di sviluppo umano (Pasc-Indh), la cui esecuzione è stata affidata al Pnud.

Entre deux rives (2007 - 2008)

Marocains en formation entre deux rives ha realizzato un insieme di progetti volti a sostenere la formazione professionale nei mestieri dell'idraulica e dell'elettricità di giovani artigiani attivi - nel settore cosiddetto informale - nelle periferie popolari di Casablanca, ad oggi uno dei maggiori bacini d'emigrazione verso il Piemonte.
Le opportunità formative offerte hanno migliorato la professionalità degli artigiani coinvolti e le loro prospettive di lavoro degno, legale ed equamente remunerato.
Il 78% dei formati ha raggiunto l'obiettivo, al termine dell'articolato percorso formativo, di un qualificato nel mondo del lavoro.

Leggi tutto...

Dar Lamaalem - Artigianato ‘informale’ a Casablanca (2007 - 2008)

Cicsene ha sostenuto il progetto Dar Lamaalem, promosso dall'associazione di diritto marocchino CICSN (Centre Centre International Cooperation Sud-Nord) con cui ha una convenzione di partenariato, e finanziato al 40% dalla Wilaya du Grand Casablanca nel quadro dell'Iniziativa Nazionale per lo Sviluppo Umano.
Il progetto ha previsto la creazione e l'attività a Sidi Bernoussi, quartiere popolare della periferia casablanchese, di una Casa dell'Artigiano volta a promuovere e accompagnare l'uscita degli artigiani locali dal lavoro nero: una vera e propria struttura di servizio per artigiani del settore informale e donne capo-famiglia, avente come obiettivo la formazione professionale, la creazione d'impiego, la promozione della dignità dei lavoratori, in particolare nei settori dell'edilizia e della ristorazione

SEF-RESTO – Soutien à l’emploi féminin dans le secteur de la restauration (2007 - 2008)

Il progetto, cofinanziato dalla Regione Piemonte – Settore Affari Internazionali e Comunitari, è stato realizzato da Cicsene in collaborazione con l'associazione marocchina CICSN, Confcooperative Torino, l'Agenzia di Sviluppo Locale di San Salvario e il Progetto Porta Palazzo -The Gate, con l'obiettivo promuovere l'impiego femminile e l'emersione dal lavoro nero nelle periferie popolari di Casablanca, ad oggi uno dei maggiori bacini d'emigrazione verso il Piemonte.
Il progetto ha inteso migliorare le condizioni socio-economiche di 15 donne, in particolare donne sole con figli a carico, attive informalmente nel settore della ristorazione, attraverso la formazione professionale e l'accompagnamento alla creazione d'impresa.

Leggi tutto...

Disabilità e cooperazione allo sviluppo (2007 - 2008)

Nuove opportunità per le imprese artigiane del settore Arti Ausiliare delle Professioni Sanitarie
Il progetto, condotto congiuntamente con Confartigianato Imprese Torino, ha coinvolto imprenditori artigiani della categoria Arti Ausiliarie delle Professioni Sanitarie nella sperimentazione di forme di cooperazione internazionale (Piemonte e Marocco) finalizzate a migliorare le condizioni di vita dei disabili marocchini.

Leggi tutto...

Rafforzamento delle relazioni di cooperazione decentrata tra le città di Torino e Gaza (2006)

Il progetto intende favorire il mantenimento di stabili relazioni istituzionali tra le città gemellate di Torino e Gaza, attraverso azioni di supporto e realizzazioni comuni.
In particolare, prevede l'accompagnamento alla realizzazione a Gaza del Centro Polivalente East El Nasser e l'avvio delle attività del Centro Polivalente attraverso la realizzazione di un'azione pilota, con particolare riferimento alla condizione femminile e al coinvolgimento della comunità locale.

Servizio di accompagnamento al tavolo Gaza/Haifa del Comune di Torino (2005)

Il Cicsene è stato incaricato dell'accompagnamento al tavolo della cooperazione con l'area mediorientale, segnatamente con le città di Gaza e di Haifa, entrambe gemellate con Torino.
Il tavolo è stato promosso dalla Città di Torino – Settore Cooperazione internazionale e Pace quale sede di confronto e coordinamento tra i soggetti attivi nell'area. La consulenza scientifica del Cicsene ha riguardato, tra l'altro, il progetto EPIC e le iniziative inerenti il gruppo di lavoro "Eurogaza", due importanti ambiti della cooperazione della Città di Torino con le Città di Gaza e Haifa.

Almawrid TDC. Un centro stampa per lo sviluppo della didattica (2002 - 2004)

Il progetto ha consentito l'allestimento presso l'Almawrid Teacher Development Center di Ramallah di un laboratorio stampa e di una stazione informatica per il collegamento in rete, in modo da offrire una sede di riferimento ai gruppi di lavoro di docenti per l'elaborazione di libri di testo e di materiali didattici innovativi, in coerenza con la graduale introduzione dei nuovi programmi scolastici palestinesi.
Il progetto ha goduto del sostegno del Comune di Torino.

Progetto Ambra (1999 - 2003)

Il progetto Ambra, dopo tre anni dall'avvio dello studio di fattibilità, è entrato in una prima fase operativa, dal punto di vista tecnico-formativo.
A San Cristóbal de las Casas (Chiapas, Messico), ubicato nella sede del "Centro de capacitación para el trabajo", esiste un laboratorio ove vengono formati giovani, donne e uomini come artigiani dell'ambra.
Alcuni lavori, realizzati oltre che nel semiprezioso, anche in rame e argento, sono stati esposti con successo in alcune sedi museali chiapaneche (Museo di Santo Domingo).

Leggi tutto...

UNCHS Settlement Upgrading Programme (1995 - 1996)

Obiettivo del programma, finanziato da UNCHS e Governo italiano, è stato formulare strategie per il miglioramento degli insediamenti informali urbani nei PVS, anche attraverso il rafforzamento delle istituzioni locali in Congo.

Corso Habitat nei PVS: formazione di cittadini disponibili ad operare in programmi di cooperazione allo sviluppo (1995)

Svolto presso il Politecnico di Torino, promosso dall'ASTAC e finanziato dalla Regione Piemonte, il corso della durata di 40 ore, ha visto l'alternanza di momenti didattici teorici e di testimonianze dirette delle esperienze condotte sul campo.

Fondazione per la promozione dell’impresa e dell’occupazione in Burkina Faso (1994 - 1999)

Il CICSENE ha seguito per conto della Comunità Europea (DG-VIII) le attività della Fondazione fornendo un appoggio all'elaborazione del programma, assicurando la coerenza del suo svolgimento e collaborando alla valutazione delle azioni condotte e del loro impatto e ha operato per stabilire contatti tra la Fondazione e partner europei (imprese, associazioni industriali, camere di commercio).
Creazione di un'istituzione di auto-organizzazione dell'imprenditoria privata, il rafforzamento della partecipazione delle imprese private del Burkina alla riforma del mercato, la promozione delle imprese del Burkina presso l'imprenditoria italiana.

Leggi tutto...

Laboratorio habitat a Ziniaré Burkina Faso (1993)

Intervento (insieme con la LVIA) i cui scopi sono stati sperimentare nuove tecniche costruttive che permettessero un forte sfruttamento dei materiali e delle capacità locali ed ottenere un costo di produzione più basso possibile.

Ricerca sulla collaborazione tra piccole e medie imprese del Nord e del Sud (1993)

con la Scuola di Specializzazione in "Tecnologia, Architettura e Città nei PVS" del Politecnico di Torino e con la CCIAA di Torino

Obiettivo è stato la verifica delle possibilità concrete di collaborazione produttiva e commerciale, stimolando un dialogo tra cooperazione internazionale e PMI, e indicando le possibilità economiche esistenti in Paesi del Sud.
Realizzazione del manuale Strumenti finanziari per la cooperazione economica tra piccole e medie imprese italiane e dei Paesi in via di sviluppo, nel quale sono stati individuati, analizzati e presentati gli strumenti italiani, europei e internazionali che prevedono forme di finanziamento per la creazione di joint venture.

Leggi tutto...

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Per maggiori informazioni: Cookie Policy.

Acconsento e accetto l'uso dei cookie